articoli (forum) modulistica lavora con noi partners
Il primo ed unico portale per i finanziamenti a fondo perduto ed agevolati
home chi siamo bandi servizi f.a.q. suggerimenti contatti

forum

articoli di attualità sul mondo dei finanziamenti

articoli:
» LA SABATINI TER: FINANZIAMENTI IN BENI STRUMENTALI
» INCENTIVI FINALIZZATI ALL’INCREMENTO DELL’OCCUPAZIONE ATTRAVERSO IL SOSTEGNO ALLA RICERCA REGIONE MARCHE
» INCENTIVI FINALIZZATI ALL’INCREMENTO DELL’OCCUPAZIONE ATTRAVERSO ALLA CREAZIONE E SVILUPPO DI NUOVE UNITA’ PRODUTTIVE REGIONE MARCHE
» "PRESTITO D'ONORE" REGIONE MARCHE
» FINANZIAMENTI NAZIONALI PER LE IMPRESE 2017
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI BED&BREAKFAST E AFFITTACAMERE
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE UN’ATTIVITA’ IN FRANCHISING
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE UN’ATTIVITA’ IN FORMA SOCIETARIA
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE UN’ATTIVITA’ INDIVIDUALE
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE UN BAR
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE UN RISTORANTE
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE UNA GELATERIA
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE UNA LAVANDERIA SELF- SERVICE
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE UNA PIZZERIA
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE UNA SPA O CENTRO BENESSERE
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE UNA PALESTRA
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE E-COMMERCE
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE UN NEGOZIO DI ABBIGLIAMENTO
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER APRIRE UN ASILO - NIDO
» FINANZIAMENTI ED INCENTIVI PER AVVIARE UN ASSOCIAZIONE CULTURALE
» FONDO DI GARANZIA PER LE PMI: FINANZIAMENTI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
» BANDO INAIL: INCENTIVI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E DI SICUREZZA SUL LAVORO
» INCENTIVI PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE
» NUOVA AUTOIMPRENDITORIALITA’ – IMPRESE A TASSO ZERO
» SMART & START – SOSTEGNO ALLE START UP INNOVATIVE
» SELFIEMPLOYMENT – SOSTEGNO ALLA GENERAZIONE NEET E PROGRAMMA “GARANZIA GIOVANI”

FONDO DI GARANZIA PER LE PMI: FINANZIAMENTI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

QUALE LEGGE REGOLA QUESTE AGEVOLAZIONI?

Il Fondo di Garanzia per le PMI è uno strumento istituito con Legge n. 662/96 (art. 2, comma 100, lettera a) e operativo dal 2000.

La sua finalità è quella di favorire l’accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica che si affianca e spesso si sostituisce alle garanzie reali  portate dalle imprese.

Rivolgendosi al Fondo, pertanto, l’impresa non ha un contributo in denaro, ma ha la concreta possibilità di ottenere finanziamenti senza garanzie aggiuntive (e quindi senza costi di fidejussioni o polizze assicurative) sugli importi garantiti dal Fondo.

Secondo le ultime rilevazioni, oltre il 99% delle imprese ha avuto accesso al finanziamento con la copertura del Fondo in assenza della presentazione di garanzie reali.

 

COS’E’?

Il Fondo di Garanzia offre sostegno alle Piccole e Medie Imprese italiane, tramite la concessione una garanzia pubblica a fronte di finanziamenti concessi dalle Banche. Rivolgendosi al Fondo di Garanzia l'impresa non ha un contributo in denaro, ma ha la concreta possibilità di ottenere finanziamenti senza garanzie aggiuntive (e quindi senza costi di fidejussioni o polizze assicurative) sugli importi garantiti dal Fondo. 

L’impresa che necessiti di un finanziamento finalizzato all’attività di impresa,  può chiedere alla banca di garantire l’operazione con la garanzia pubblica. L’attivazione di questa garanzia è a rischio zero per la Banca che, in caso di insolvenza dell’impresa, viene risarcita dal Fondo di Garanzia e in caso di eventuale esaurimento di fondi di quest’ultimo, direttamente dallo Stato.

 

A CHI SI RIVOLGE?

I soggetti beneficiari finali, ai quali viene concessa la garanzia pubblica, sono le piccole e medie imprese (così come definite dalla normativa europea), comprese le imprese artigiane, presenti sul territorio nazionale, economicamente sane e appartenenti a qualsiasi settore, ad esclusione dei settori ritenuti sensibili dall’Unione Europea.

Sono, inoltre, soggetti beneficiari finali i consorzi e le società consortili, costituiti tra piccole e medie imprese di cui gli articoli 17, 18, 19 e 23 della legge 5.01.91 n. 317, e le società consortili miste di cui all’articolo 27 della medesima legge.

I criteri di valutazione delle PMI per l’ammissione alla garanzia del Fondo sono stati modificati con  Decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, del 27 dicembre 2013, attuativo del cosiddetto “Decreto del Fare (Decreto-legge 21 giugno 2013). I nuovi criteri sono stati aggiornati in funzione del ciclo economico e dell’andamento del mercato finanziario e creditizio, per garantire una maggiore apertura dell’intervento del Fondo nei confronti delle PMI.

Ad accedere alla garanzia del Fondo sono soprattutto microimprese (56.8%), cui seguono le piccole imprese (32,3%) e le imprese di medie dimensioni (10,9%). Le imprese artigiane rappresentano una buona parte dell’operatività del Fondo Centrale: hanno presentato più di 16.000 operazioni nel 2013, pari al 20,3% del totale.

 

IN QUALI SETTORI DEVONO OPERARE I BENEFICIARI?

I soggetti beneficiari devono operare nei seguenti settori ISTAT: 


 - Agricoltura, caccia, silvicoltura (solo controgaranzia)

 - Pesca, piscicoltura e servizi connessi (solo controgaranzia)

 - Estrazione di minerali 

 - Attività manifatturiere

 - Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua

 - Costruzioni

 - Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali e per la casa

 - Alberghi e ristoranti

 - Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni

 - Attività immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, altre attività professionali ed imprenditoriali

 - Istruzione

 - Sanità e altri servizi sociali

 - Altri servizi pubblici, sociali e personali.

 

QUALI SONO LE INIZIATIVE AMMISSIBILI?

Sulla base delle Disposizioni operative sono ammissibili le operazioni:


 - di durata non inferiore a 36 mesi;

 - di anticipazione dei crediti verso la P.A.;

 - sul capitale di rischio;

 - di consolidamento delle passività a breve termine su stessa banca o gruppo bancario di qualsiasi durata;

 - a favore delle piccole imprese dell’indotto di imprese in amministrazione straordinaria di durata non inferiore a 5 anni;

 - altre Operazioni finanziarie

L'ammissione al Fondo delle suddette operazioni è regolata da particolari criteri di valutazione economico e finanziaria delle imprese.

 

COME SI ACCEDE ALLA GARANZIA DEL FONDO?

 A seconda della natura del soggetto che si rivolge al Fondo Centrale di Garanzia esistono diverse modalità di intervento:

• Garanzia diretta: indica la garanzia prestata dal Fondo direttamente a favore dei soggetti finanziatori. In questo caso, l’impresa che necessiti di un finanziamento può chiedere alla banca di garantire l’operazione con la garanzia pubblica. L’attivazione di questa garanzia è a rischio zero per la banca che, in caso di insolvenza dell’impresa, viene risarcita dal Fondo e, in caso di eventuale esaurimento di fondi di quest’ultimo, direttamente dallo Stato.

• Controgaranzia: indica la garanzia prestata dal Fondo a favore dei Confidi ,  e degli altri Fondi di Garanzia. In questo caso l’impresa si rivolge a un Confidi o ad altro fondo di garanzia che provvederanno ad inviare la domanda di controgaranzia al Fondo. 

• Cogaranzia: indica la garanzia prestata dal Fondo direttamente a favore dei soggetti finanziatori e congiuntamente ai Confidi, agli altri Fondi di Garanzia ovvero ai Fondi di garanzia istituiti nell’ambito dell’Unione Europea o da essa cofinanziati.

 

A CHI BISOGNA RIVOLGERSI PER OTTENERE LA GARANZIA DEL FONDO?

Per ottenere la garanzia, l’impresa dovrà rivolgersi ad una banca, un intermediario finanziario, una Società Finanziaria per l’Innovazione e lo Sviluppo (S.F.I.S.), un consorzio di garanzia collettiva fidi o un altro fondo di garanzia gestito da intermediari finanziari.

La compilazione della domanda non sarà effettuata dalla banca o dall’intermediario finanziario, ma sarà necessario l’intervento di studi o di professionisti aderenti all’iniziativa che predispongano e presentino la domanda di finanziamento.

Con l’introduzione della riforma dello strumento e la possibilità di intervento del Fondo anche per operazioni sul capitale di rischio, la presentazione della domanda di garanzia può essere fatta anche da una Società di Gestione del Risparmio (SGR) o da una Società di gestione Armonizzata (SGA). 

 

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI

Hai idea di aprire la tua attività?

Vuoi sapere qual è la migliore soluzione per te?

Hai bisogno di una consulenza fiscale, societaria e aziendale per la tua attività?

Vuoi sapere se esistono dei finanziamenti a fondo perduto per la tua Regione o per la tua attività?

Hai bisogno di persone che siano capaci di consigliare, redigere e presentare il bando di finanziamento?

Per qualsiasi informazione contattare lo staff di www.contributiafondoperduto.it, Sito specializzato in finanza agevolata.

                                                                                                         

                                                                                                                     Dott. Paci Pierluigi

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO , VIA G.GABRIELLI 105, 61032 FANO (PU) | TEL. +39 0721 580431 | EMAIL info@contributiafondoperduto.it

© 2017 by www.contributiafondoperduto.it All rights reserved